Bollettino Polline
Rete Italiana AIA
Rete Italiana AAITO
Rete Europea MedAeroNet
Atlante dei pollini

Consigli per i Pazienti
Allergici ai pollini
Allergici agli acari
Allergici alle muffe
Allergie alimentari
Malattie Cutanee
In terapia con vaccini
Utilizzo aerosol in polvere
Utilizzo aerosol spray

A.S.M.A.R.A. onlus
Home Page
Statuto
Attività

Malattie Professionali
Clicca

Diagnostica
Prove allergiche
Spirometria
Microbiologia
Gas ematici
Gas espirati
Esame Espettorato
RAST: IgE Totali
PRIST: IgE Specifiche

Presidi Terapeutici
Aerosol Dosati
Cortisonici
Teofillina
Vaccini Antiallergici
Antitubercolari

Inquinanti e Ambiente
Fumo di Sigaretta
Bus a Metano
Medici per l'ambiente
SocietÓ Scientifiche
Abbigliamento anallergico
Spirometri
Servizi congressuali
Federasma
Riviste Scientifiche
Case Editrici
Redazione


Risorse del sito

ASMA: SMS DA 'AMICO VIRTUALE' AIUTERANNO GIOVANI MALATI


Messaggi via telefonino, da un amico 'virtuale', aiuteranno i giovani asmatici a tenere sotto controllo la malattia. L'idea e' venuta a un gruppo di medici britannici, che sta completando un sistema 'ad hoc', con l'aiuto di un computer e del cellulare. Insieme a sms su sport, pettegolezzi, spettacoli e oroscopo, il 'cervellone' ricordera' ai ragazzi asmatici di usare l'inalatore per prevenire gli attacchi. Battezzato Max dai suoi creatori, l'amico virtuale ha dimostrato gia' la sua efficacia: in un esperimento condotto su 30 ragazzi di 16 anni, e' riuscito a ridurre drasticamente il numero di dimenticanze. In piu', i giovani hanno apprezzato il sistema e hanno iniziato a rispondere agli sms del loro nuovo amico 'di telefonino'. Il successo di Max e' anche dovuto al fatto che 'parla' con lo stesso linguaggio dei giovani, e usa il loro modo di conversare attraverso gli sms. ''I messaggi - spiegano i ricercatori del team di Ron Neville sul British Medical Journal - possono essere un mezzo per ricordare alle persone con malattie croniche di tenere sotto controllo la loro patologia, senza rivoluzionare il loro stile di vita''. E gia' gli esperti di comunicazione coinvolti nel progetto pensano di 'esportare' il sistema, adattandolo ad altre malattie, come diabete e Hiv.

Fonte ADNKRONOS