Bollettino Polline
Rete Italiana AIA
Rete Italiana AAITO
Rete Europea MedAeroNet
Atlante dei pollini

Consigli per i Pazienti
Allergici ai pollini
Allergici agli acari
Allergici alle muffe
Allergie alimentari
Malattie Cutanee
In terapia con vaccini
Utilizzo aerosol in polvere
Utilizzo aerosol spray

A.S.M.A.R.A. onlus
Home Page
Statuto
Attività

Malattie Professionali
Clicca

Diagnostica
Prove allergiche
Spirometria
Microbiologia
Gas ematici
Gas espirati
Esame Espettorato
RAST: IgE Totali
PRIST: IgE Specifiche

Presidi Terapeutici
Aerosol Dosati
Cortisonici
Teofillina
Vaccini Antiallergici
Antitubercolari

Inquinanti e Ambiente
Fumo di Sigaretta
Bus a Metano
Medici per l'ambiente
SocietÓ Scientifiche
Abbigliamento anallergico
Spirometri
Servizi congressuali
Federasma
Riviste Scientifiche
Case Editrici
Redazione
Risorse del sito

MISURAZIONE DEL CO ESPIRATO

CO = Monossido di carbonio.
Il monossido di carbonio o CO è un gas tossico, inodore e incolore. È uno dei prodotti della combustione e si trova nei fumi di scarico delle macchine e nel fumo del tabacco.
Il monossido di carbonio è dannoso per il corpo.
Il CO penetra nei polmoni mediante respirazione di aria inquinata o piena di fumo oppure mediante inalazione del fumo del tabacco. Il CO viene assorbito nel sangue attraverso i polmoni e si lega all'emoglobina nei globuli rossi con una velocità 200 volte superiore rispetto all'ossigeno e riduce la produzione di ossigeno. Il CO priva il corpo dell'ossigeno di cui il corpo necessita per vivere.
Problemi di salute causati dal CO
Nei fumatori il CO può sottrarre una percentuale compresa fra il 2% e il 20% del normale livello di ossigeno nel sangue. Per compensare la riduzione di ossigeno, il corpo deve lavorare più duramente e supportato da una scarsa quantità di ossigeno.
Il CO nuoce alla salute perché:
- Il cuore del fumatore batte più velocemente tentando di reperire sufficiente ossigeno per il corpo
- Il cuore riceve una scarsa quantità di ossigeno aumentando il rischio di danno ai muscoli cardiaci e di morte improvvisa
- Il fumatore presenta una minore capacità respiratoria poiché il corpo dispone di una scarsa quantità di ossigeno di riserva per eventuali ulteriori necessità in caso di sforzo fisico
- I rivestimenti delle arterie sono più esposte al colesterolo e questo determina una fisico
- I rivestimenti delle arterie sono più esposte al colesterolo e questo determina una formazione di tessuto adiposo che aumenta il rischio di problemi circolatori, attacco cardiaco e ictus
- La mancanza di ossigeno può compromettere la capacità di concentrazione e causare stanchezza
- La COHb ( carbossiemoglobina) determina una maggiore densità del sangue
Buone notizie
Smettendo di fumare, il livello di monossido di carbonio presente nel sangue diminuisce quasi immediatamente, raggiungendo entro qualche giorno valori equivalenti a quelli di un non fumatore. Il sangue trasporterà una maggiore quantità di ossigeno, determinando un aumento delle energie, una migliore circolazione ed una maggiore capacità di concentrazione.
Esame con il misuratore di CO espirato
Un misuratore di CO espirato misura piccole quantità di monossido di carbonio nel respiro emesso con l'espirazione, ovvero il valore di CO ppm. Il CO ppm indica il numero di molecole di CO in un milione di parti di aria. Il valore di CO ppm indica la quantità di CO presente nel sangue, ovvero il valore della COHb(%). La COHb(%) indica la percentuale di globuli rossi o emoglobina che trasportano CO invece dell'ossigeno. L'emoglobina o Hb presente nei globuli rossi veicola l'ossigeno o il monossido di carbonio. Ad esempio, se il valore di CO ppm è pari a 30 ppm, ciò significa che il 5% dei globuli rossi veicola monossido di carbonio.
Il valore ottenuto non indica esattamente il numero di sigarette fumate, ma fornisce maggiori informazioni relativamente alla quantità di fumo inalato e a quanto tabacco della sigaretta è stato fumato. Quanto maggiore è la quantità di fumo inalato, tanto superiore sarà questo valore, che potrà essere ridotto diminuendo l'inalazione di fumo o smettendo di fumare. Tipi diversi di tabacco producono quantità diverse di CO. I sigari e le pipe possono determinare elevati valori di CO. Inoltre, il valore varia in base al tempo trascorso dall'ultima volta che si è fumato. Dopo 4-5 ore il livello di CO risulta dimezzato.

Interpretazione delle misurazioni
Il display dello strumento misura il valore di CO ppm. Tale valore può essere facilmente convertito in COHb(%) utilizzando il diagramma fornito in dotazione con lo strumento.
Abitualmente gli apparecchi misurano concentrazioni di CO espirato arrivando ad un valore massimo di 80 ppm. Inoltre software adeguati consentono di effettuare misurazioni fino ad un massimo di 200 ppm per applicazioni quali diagnosi di avvelenamento da monossido di carbonio ed inspirazione di fumo e monitoraggio delle concentrazioni di CO nell'ambiente.
I valori di CO non indicano esattamente quante sigarette fuma una persona. La misurazione è influenzata anche da altri fattori quali la quantità di fumo inspirato, il tipo di tabacco, il tempo trascorso dall'ultima sigaretta fumata e le condizioni ambientali.
I display riportati sotto indicano i valori tipici relativi a tre diverse abitudini al fumo, oltre all'esatto valore ppm.
5 ppm CO / 0,7 COHbValore tipico di un non fumatore che vive in città. Nell'aria sono presenti almeno 1-2 ppm a causa degli scarichi industriali e dei veicoli.
20 ppm CO / 4% COHbValore tipico di un soggetto con una moderata abitudine al fumo. Ogni sigaretta aumenta il livello di CO.
50 ppm CO / 9% COHbValore tipico di un soggetto con una forte abitudine al fumo. Comprende fumatori di pipa e sigaro, che contengono elevate percentuali di CO