Bollettino Polline
Rete Italiana AIA
Rete Italiana AAITO
Rete Europea MedAeroNet
Atlante dei pollini

Consigli per i Pazienti
Allergici ai pollini
Allergici agli acari
Allergici alle muffe
Allergie alimentari
Malattie Cutanee
In terapia con vaccini
Utilizzo aerosol in polvere
Utilizzo aerosol spray

A.S.M.A.R.A. onlus
Home Page
Statuto
Attività

Malattie Professionali
Clicca

Diagnostica
Prove allergiche
Spirometria
Microbiologia
Gas ematici
Gas espirati
Esame Espettorato
RAST: IgE Totali
PRIST: IgE Specifiche

Presidi Terapeutici
Aerosol Dosati
Cortisonici
Teofillina
Vaccini Antiallergici
Antitubercolari

Inquinanti e Ambiente
Fumo di Sigaretta
Bus a Metano
Medici per l'ambiente
SocietÓ Scientifiche
Abbigliamento anallergico
Spirometri
Servizi congressuali
Federasma
Riviste Scientifiche
Case Editrici
Redazione


 
A.S.M.A.R.A. onlus
Associazione Siciliana dei Malati Asmatici Respiratori e Allergici

Via G. B. Fardella, 115 - 91100 Trapani
Tel. e Fax 0923.561009 - email:
ass.asmara@tin.it

Statuto
Art. 1 - Costituzione.
E' costituita un'Associazione denominata "ASMARA - Associazione Siciliana dei Malati Asmatici, Respiratori e Allergici - ONLUS".
L'associazione ha sede in Trapani, via G.B. Fardella 115. E' facoltà dell'assemblea trasferire la sede in altro luogo di tutto il territorio italiano.

Art. 2 - Scopi Sociali.
L'associazione non persegue fini di lucro, ma esclusivamente di tipo solidaristico e mutualistico, fra i cittadini, a prescindere dalla razza, fede politica e religiosa, sesso, cultura e condizione economica - sociale.
La struttura è improntata a criteri di democraticità, le cariche sociali sono gratuite ed elettive; l'Associazione svolge attività di volontariato e i propri soci prestano la propria opera gratuitamente nello spirito dell' art. 2 della legge 4 Maggio 1983 n. 184.
L'associazione persegue i seguenti scopi:
· Promuovere la diffusione delle conoscenze mediante campagne di informazione e di sensibilizzazione
dell'opinione pubblica allo scopo di ridurre drasticamente il dilagare dell'asma, delle malattie respiratorie, di quelle allergiche e del tabagismo;
· Incoraggiare la prevenzione e l'educazione nei confronti di tali malattie;
· Sostenere iniziative miranti al miglioramento della qualità della vita del paziente asmatico, con malattie respiratorie
o allergiche o del tabagista;
· Creare e sviluppare progetti sociali nel campo preventivo primario e secondario, diagnostico e terapeutico
dell'asma, delle malattie respiratorie, allergiche e del tabagismo attuando ogni opportuna iniziativa, ed in particolare: servizi di documentazione, convegni, manifestazioni pubbliche, campagne di solidarietà, programmi di formazione, produzione e divulgazione di materiale didattico ed informativo, programmi multimediali, trasmissioni radiofoniche e cine-televisive,
· Occuparsi degli aspetti medico-psico-sociali legati al consumo del tabacco, nonché di quelli relativi alla
prevenzione e al trattamento del tabagismo come dipendenza e dei problemi fumo-correlati;
· Coordinare lo scambio di informazioni e la collaborazione tra i pubblici poteri in campo amministrativo e sanitario,
istituzioni, aziende pubbliche e private, organizzazioni sindacali ed associazioni presenti sul territorio aventi scopi analoghi;
· Stimolare la formazione di tutte le figure istituzionali e sociali deputate ai rapporti con i pazienti affetti da asma,
malattie respiratorie o allergiche, tabagismi;
· Sollecitare interventi amministrativi volti al riconoscimento dei bisogni, esigenze e necessità sanitarie ed
economiche dei pazienti affetti da asma, malattie respiratorie ed allergiche e da tabagismo;
· Sviluppare ogni altra azione ritenuta meritevole dai soci in relazione alle finalità espresse.
L'Associazione può svolgere le suddette attività in tutto il territorio italiano

Art. 3 - I soci.
Possono essere soci dell'associazione tutti i cittadini residenti in Italia, sia italiani che stranieri, indipendentemente dalla razza, sesso, fede politica e religiosa, cultura e condizioni economico-sociali, i quali prestano volontariamente la propria opera gratuita per il raggiungimento dello scopo sociale.
Essi vengono iscritti su domanda dal Consiglio Direttivo, che decide a maggioranza dei componenti.
Essi hanno l'obbligo di versare una quota annuale associativa, che viene fissata dal comitato direttivo.
I soci si distinguono in Ordinari, Sostenitori ed Onorari.
Sono soci Ordinari coloro che, condividendo le finalità dell'Associazione, contribuiscono al suo sostegno versando la quota associativa annuale stabilita dal Consiglio Direttivo.
Sono soci Sostenitori coloro che partecipano al sostegno dell'associazione con un contributo superiore alla quota ordinaria.
Sono soci Onorari coloro che siano stati insigniti di pubblico riconoscimento, alte personalità, o che abbiano reso servizi degni di riconoscimento all'associazione.
Possono far parte dell'associazione le persone giuridiche, le associazioni e gli enti che per la loro attività di lavoro, di studio o per altri motivi, siano interessati a promuovere le attività dell'associazione.

Art. 4 - L'assemblea
L'assemblea dei soci è il massimo organo dell'Associazione che si riunisce almeno una volta all'ano. Delibera sui seguenti argomenti:
· Elezione del Presidente e del Consiglio Direttivo;
· Approvazione del Bilancio Preventivo e del Bilancio Consuntivo;
· Definizione delle linee programmatiche dell'Associazione.
Sia il bilancio preventivo che il Bilancio Consuntivo hanno validità annuale e vanno approvati entro il mese di aprile di ciascun ano solare, su proposta del Consiglio Direttivo.
L'assemblea è valida in prima convocazione con la presenza della maggioranza dei soci, in seconda convocazione è valida a prescindere del numero dei soci.
Unicamente per deliberare lo scioglimento anticipato dell'associazione e per le eventuali modifiche statutarie è necessaria la convocazione dell'assemblea straordinaria, per la quale occorre la maggioranza dei soci per la validità della seduta e per il voto mediante atto pubblico.

Art. 5 - Il presidente.
Il presidente è eletto dall'assemblea con mandato triennale; assume i poteri di firma e di rappresentanza legale dell'associazione davanti a terzi; convoca l'assemblea e il Consiglio Direttivo; è sostituito dal vice-presidente, eletto dal Consiglio Direttivo fra i propri componenti, che ne assume i poteri in sua assenza.

Art. 6 - Il Consiglio Direttivo.
Il Consiglio Direttivo è composto da un numero compreso fra i tre e i cinque componenti, scelti fra i soci, con mandato triennale i quali nel proprio ambito nominano il Presidente, il Vicepresidente ed il segretaio-tesoriere.

Art. 7 - I poteri del Consiglio Direttivo.
Spetta al Consiglio Direttivo:
· Nominare i rappresentanti delle eventuali sedi secondarie o sezioni periferiche, ai qiali saranno affidati i rapporti
con gli enti e le istituzioni locali, nonché la attività di rappresentanza a livello locale, secondo le decisioni assunte dal Consiglio Direttivo al quale il rappresentante risponde delle attività svolte.
· Deliberare l'assunzione del personale, stabilire l'importo della quota annuale, sulla stipula di accordi, contratti,
convenzioni, con Enti pubblici e privati, con aziende, professionisti, sulla promozione di iniziative e manifestazioni, su operazioni mobiliari e immobiliari, fatta esclusione delle competenze attribuite all'assemblea.
La funzione di segretario verbalizzante viene svolta di volta in volta da un componente scelto nel Consiglio Direttivo.

Art. 8 - Il patrimonio dell'Associazione.
Il patrimonio dell'associazione è costituito:
· Dalle quote associative annuali versate dai soci;
· Dai contributi straordinari di enti pubblici e privati;
· Da eventuali lasciti e donazioni offerte in favore dell'Associazione.

Art. 9 - Recesso.
Il recesso dei soci si verifica decesso, per mancato versamento entro i tempi fissati dal Consiglio Direttivo della quota associativa annuale.

Art. 10 - Durata dell'Associazione.
L'associazione ha durata illimitata.
Lo scioglimento anticipato può essere deciso dall'assemblea in seduta straordinaria.
E' fatto obbligo, in caso di scioglimento, di devolvere il patrimonio ad altre Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale o ai fini di pubblica utilità, sentito l'organismo di controllo di cui all'art. 3, comma 190, della legge 662/1996.

Art. 11 - Regolamento Interno.
Al fine di disciplinare la vita interna in rapporto alle quote associative, alla organizzazione del personale, il Consiglio Direttivo determina un Regolamento Interno, da sottoporre alla ratifica della prima assemblea.

Art. 12 - Ulteriori norme.
Per quanto non espressamente previsto dal presente Statuto si fa riferimento alle norme del Codice Civile.