Bollettino Polline
Rete Italiana AIA
Rete Italiana AAITO
Rete Europea MedAeroNet
Atlante dei pollini

Consigli per i Pazienti
Allergici ai pollini
Allergici agli acari
Allergici alle muffe
Allergie alimentari
Malattie Cutanee
In terapia con vaccini
Utilizzo aerosol in polvere
Utilizzo aerosol spray

A.S.M.A.R.A. onlus
Home Page
Statuto
Attività

Malattie Professionali
Clicca

Diagnostica
Prove allergiche
Spirometria
Microbiologia
Gas ematici
Gas espirati
Esame Espettorato
RAST: IgE Totali
PRIST: IgE Specifiche

Presidi Terapeutici
Aerosol Dosati
Cortisonici
Teofillina
Vaccini Antiallergici
Antitubercolari

Inquinanti e Ambiente
Fumo di Sigaretta
Bus a Metano
Medici per l'ambiente
SocietÓ Scientifiche
Abbigliamento anallergico
Spirometri
Servizi congressuali
Federasma
Riviste Scientifiche
Case Editrici
Redazione
Risorse del sito

ALLERGIA AL NICHEL
ISTRUZIONI PER I PAZIENTI ALLERGICI AL NICHEL


Il Nichel è un metallo a diffusione pressocchè ubiquitaria ed è difficile evitarne il contatto nella vita quotidiana in quanto presente in molti oggetti di uso comune quali: oggetti metalicci comunemente presenti nell'abbigliamento, oggetti di bigiotteria, bracciali e casse di orologio, chiavi, accendini, parti metalliche degli occhiali, monete, targhette di identificazione, manici degli ombrelli, utensili da cucina, lavelli metallici, aghi, forbici e ditali, fermacarte, sedie di metallo, maniglie delle porte, ecc.
Tutti questi utensili andrebbero sostituiti con analoghi in plastica o velcro o metalli nobili, (anche se l'oro bianco, l'argento, l'oro giallo a 14 carati ed il platino possono contenere nichel in percentuale variabile a seconda della purezza della lega); il nichel inoltre puo essere contenuto in molti oggetti sottoposti a cromatura. L'acciaio inox invece non crea problemi.
Il nichel è presente nei coloranti per oggetti di vetro, stoviglie di terracotta, porcellana; è utilizzato come mordente nei processi di tintura e stampa di tessuti e carta da parati, nei liquidi e nelle matrici per fotocopiatrici. Anche le tinture per capelli contengono nichel, come pure i liquidi utilizzati per permanenti: tutti possono provocare, inoltre, il rilascio di nichel da oggetti metallici, quali i fermagli.
E' possibile una sensibilizzazione al nichel dovuta alla lavorazione di batterie alcaline, oggetti di ottone ezinco lucidati in nero, ceramiche, materiale elettrico, smalto (verde: ossido di nichel), additivi per carburanti, insetticidi, reagenti e catalizzatori per materiale plastico, leghe e rivestimenti di nichel, nuclei magnetici, indurente dei grassi come catalizzatore, placcatura mediante bagno galvanico o con ottone. Va sottolineato che le soluzioni industriali cintenenti nichel penetrano i comuni guanti di gomma ed è quindi consigliato l'utilizzo di guanti da lavoro pesanti di vinile.
Il nichel è infine presente in molti oggetti utilizzati in campo medico-chirurguco: aghi per elettrodepilazione, agopuntura, mesoterapia, protesi ortopediche, valvole cardiache, oro bianco utilizzato per lavori odontoiatrici, ecc.
Dal punto di vista clinico la sintomato.ogia dovuta all'allergia al nichel si accentua durante la stagione estiva e nei climi caldo-umidi. In seguito all'aumentata sudorazione il nichel viene infatti liberato più facilmente dagli oggetti che lo contengono, anche in presenza di una barriera costituita da stoffa o smalto per unghie (l'applicazione di quest'ultimo alla bigiotteria, per esempio, consente di tollerare il contatto con tali oggetti per qualche ora).

ALIMENTI CHE CONTENGONO NICHEL E CONCENTRAZIONI (OVE CONOSCIUTE)
Nei soggetti allergici al Nichel con dermatite in atto o con orticaria l'assunzione tramite alimenti di questa sostanza può aggravare la dermatite o essere responsabile dell'orticaria. Evitare assolutamente di assumere cibi in scatola e di cucinare in pentole smaltate, in teflon o alluminio: usare esclusivamente stoviglie di vetro o di acciaio inox 100%.
ALIMENTI
FAMIGLIA
CONCENTRAZIONE
Uova di gallina uccelli 0.03 mg/kg
Aringhe
pesci  
Ostriche molluschi 0.6 mg/kg
Funghi miceti 0.02 mg/kg
Lievito in polvere miceti  
Cacao starculiacee 10 mg/kg
Cioccolato starculiacee  
Fagioli legumi 1.4 mg/kg
Piselli legumi 0.3 mg/kg
Liquirizia legumi 4.4 mg/kg
Arachidi legumi 2.9 mg/kg
Lenticchie legumi 1.9 mg/kg
Nocciole corylacee 1.5 mg/kg
Asparagi liliacee 0.4 mg/kg
Lattuga composite 0.3 mg/kg
Margarina composite 0.2 - 4 mg/kg
Cavoli brassicacee-crucifere 0.03 - 1 mg/kg
Broccoli brassicacee-crucifere 0.03 mg/kg
Cipolle amaryllidacee  
Spinaci chenopodiacee 0.2 mg/kg
Carote umbellifere 0.04 mg/kg
Pomodori solanacee 0.09 mg/kg
Uva vitacee 0.1 mg/kg
Vino vitacee 0.01 mg/kg
Funghi miceti 0.02 mg/kg
Lievito in polvere miceti  
Granoturco graminacee-cereali 0.4 mg/kg
Farina di grano intero graminacee-cereali 0.2 mg/kg
Pere sia fresche che cotte rosacee-pomacee 0.1 mg/kg
Rabarbaro polygonacee  
The theacee 0.03 - 1 mg/kg

Altre Pagine